FOCUS

LECLERC AL MURO

Apre così ‘Repubblica’ la sua analisi sul Gran Premio di Francia e, in particolar modo, sugli attimi di delusione e lo sfogo di Charles Leclerc: “Allora è umano. Il fiato corto che sbatte sul microfono, una, due, tre volte. Sembra ancora di sentirlo. E poi quell’urlo, ‘noooooooo’, che risale dalla caverna in cui è sprofondato. Un Munch sonoro. Di fronte alla crudeltà della natura delle corse. Charles Leclerc contro il muro. Contro se stesso. Dopo una pole strepitosa, costruita di squadra. Proprio mentre è al comando di una gara bollente fuori (asfalto a 57°) e dentro. Dopo l’Austria, vuole e può vincere anche in Francia. Invece: zero per lui. Il terzo dell’anno. Stavolta per un errore suo. Adieu al Paul Ricard, chissà se anche al Mondiale”.

Spread the love

Comment here