FOCUS

BINOTTO: “MAI TROVATE IRREGOLARITA’ NEL 2019, ABBIAMO SFRUTTATO LA ZONA GRIGIA”

La Federazione non ci ha mai trovati irregolari. Se ci avesse trovato irregolari ci avrebbe squalificato”. Così il team principal Ferrari, Mattia Binotto, a proposito delle prestazioni della power unit nel mondiale 2019. “La Federazione ci ha controllato per tante gare, ad ogni singolo GP, per cercare di capire ed accertare, senza mai trovare un’irregolarità. Nessun avversario ha protestato. Se ci fosse stata un’irregolarità plateale mi sarei aspettato che un avversario qualunque potesse protestare”.

Sull’accordo segreto con Liberty Media: “L’accordo è stato quello di dire ‘concentriamoci sul futuro, aiutiamoci a capire le aree grigie’. Su queste ci sono state dei chiarimenti. Perché è stato definito segreto? Direi che è normale: cosa dobbiamo fare, mostrare a tutti il nostro motore ed i nostri segreti? Non l’ha mai fatto nessuno in F1, non dobbiamo iniziare a farlo noi”.

Sulla famosa “zona grigia” del regolamento: “Nella zona grigia ci siamo stati per tutta la stagione. Fino all’inverno, con una direttiva fatta anche con il nostro aiuto che ha impedito di fare determinate cose sulle power unit. Queste hanno avuto implicazioni su di noi, ma anche sugli altri. Poi certamente, ha toccato noi più di altri, come dimostra la situazione attuale. Come si arriva a questa stagione? Abbiamo sbagliato progetto facendo assunzioni sbagliate e cercando una strada di sviluppo che poi si è rivelata errata. Congelamento e fermo ci ha penalizzato per l’intera stagione”.

Spread the love

Comment here