NEWS

HAMILTON BUTTA VIA LA VITTORIA E RINVIA “L’APPUNTAMENTO” CON SCHUMI

La novantunesima vittoria può attendere. Per Lewis Hamilton è stata una domenica da incubo: oltre al mancato aggancio a Schumacher, si aggiunge un pomeriggio tormentato tra penalità, interpretazioni del regolamento e nervosismo. Ecco il racconto della gara di Sochi attraverso la lente d’ ingrandimento de La Stampa: “Come prendersi due multe in pochi secondi, pizzicato dalle telecamere della Ztl o di un semaforo. Tre settimane dopo il pit-stop vietato di Monza, Hamilton sceglie il modo più assurdo per buttare via un’altra vittoria e rinviare l’appuntamento con Schumacher a quota 91. Stavolta scivola sulle prove di partenza prima del Gp, che i piloti effettuano appena fuori dalla pit-lane: il sei volte campione del mondo si sistema troppo avanti, secondo i commissari, sebbene il regolamento non stabilisca esattamente i confini del lecito. Il risultato sono 10″ di penalità (5″ più 5″, obiettivamente eccessivi) e un pomeriggio a cercare fantasmi: “Stanno provando a fermarmi, nessuno è mai stato mai penalizzato per qualcosa di tanto ridicolo. L’ho fatto molte altre volte e non mi è stato detto nulla”. Il record di Schumi resisterà almeno altre due settimane, forse di più se Hamilton continuerà a vivere sul filo delle regole e della provocazione: in pista – già 5 penalità nel 2020 – come fuori, dove gli è stato vietato di portare sul podio le sue battaglie di civiltà. La responsabilità è di nuovo da dividere con il team, dal quale via radio è arrivato il via libera a provare le partenze in una zona meno “gommata”, più simile a quella del vero start, dettaglio che almeno gli ha salvato due punti sulla patente. “Mi rileggerò bene il regolamento – promette Lewis -, studiando le aree in cui gli steward potrebbero trovare delle scuse per ostacolarmi. Non gliele darò”.

Spread the love

Comment here