PAGELLE

GP ITALIA, LE PAGELLE

Monza, 6 settembre 2020 – Un gran premio dall’esito quasi scontato, che cambia volto al giro 25 quando il pauroso incidente di Leclerc rimescola completamente le carte in tavola, e un finale al cardiopalma: questa la sintesi perfetta del GP d’Italia disputatosi quest’oggi a Monza, che ha visto vincitore per la prima volta in carriera Pierre Gasly su AlphaTauri, nuovamente vittoriosa 12 anni dopo il trionfo con Vettel nel 2008 sempre sul circuito brianzolo. Di seguito le nostre pagelle.

Gasly 9 – Una partenza a centro gruppo senza troppe pretese e una sosta leggermente anticipata rispetto ai programmi si trasformano in un’opportunità unica e forse irripetibile quando Hamilton entra ai box con pitlane chiusa per il ritiro di Magnussen. Alla ripartenza supera Stroll con una grande staccata alla prima variante e si mette a dettare il ritmo, riuscendo a contenere Sainz negli ultimi giri. Risultato pazzesco!

Sainz 8,5 – Fa un’ottima partenza superando Bottas alla prima variante, ma non riesce a tenere il ritmo stratosferico di Hamilton. Dopo la bandiera rossa si prende un sorpassone su Stroll all’esterno dell’Ascari e prova l’impresa, purtroppo per lui non riuscendoci. Forse con un giro in più ce l’avrebbe fatta, ma comunque chiude un grandissimo weekend sul podio, il secondo in F1 per lui.

Stroll 7,5 – Secondo podio per Stroll in F1 (dopo Baku 2017), dopo un piccolo errore di strategia all’uscita della prima safety car. La bandiera rossa causata da Leclerc gli permette di cambiare le gomme e di rimettersi in gioco. Alla ripartenza non riesce a tenersi dietro Gasly e successivamente viene superato all’Ascari da Sainz. Forse poca grinta oggi, ma il risultato è il migliore per lui da tre anni a questa parte, e considerando che partiva ottavo è un ottimo risultato.

Norris 7 – Da sesto era risalito terzo con una super partenza all’inizio del gran premio. Dopo la prima safety car, complici i numerosi pit stop, si ritrova imbottigliato alla prima curva non riuscendo a sopravanzare subito Leclerc e le due Alfa. Occasione mancata.

Bottas 4 – Partenza disastrosa e primo giro anche peggio. Nel gruppo non riesce a far svettare la sua Mercedes, e l’unico sorpasso effettuato è su Raikkonen dopo la safety car. Troppo poco per uno che punta al mondiale e che oggi aveva un’opportunità d’oro, visto quanto successo a Hamilton.

Ricciardo 6,5 – Si tiene fuori da guai e fa la sua onesta gara. Sicuramente la Renault poteva dargli di più oggi. Occasione mancata anche per lui.

Hamilton 5 – Sicuramente la squadra ci ha messo del suo, ma entrare in pitlane quando questa è chiusa non è assolutamente un errore da 6 volte campione del mondo. Alla ripartenza fa quel che può, recuperando dal 16° al 7° posto. Nonostante questo, guadagna punti su Verstappen e ne perde solo tre su Bottas. E ai ferraristi farà piacere che non potrà battere il record di vittorie di Schumacher al Mugello, nel GP numero 1000 della Rossa.

Ocon 6 – La porta al traguardo senza patemi, recuperando quattro posizioni rispetto alla casella di partenza.

Kvyat 5,5 – Decisamente sottotono la sua gara se comparata a quella del suo compagno di squadra.

Perez 5 – Vedasi Kvyat.

Leclerc 5 – Fa quel che può con questa Ferrari. Per un attimo avrebbe avuto anche l’occasione clamorosa di lottare, forse, per la vittoria, ma nel momento in cui ha chiesto di più alla sua disastrosa vettura è andato a muro.

Verstappen 4 – Una gara decisamente sottotono oggi, fino a quando la sua vettura non ha deciso di appiedarlo. Aveva tra le mani un’opportunità clamorosa di riaprire il mondiale ma è completamente mancato.

Vettel sv – Otto giri sono bastati alla Ferrari per metterlo fuorigioco. Manca sempre meno alla fine, per sua fortuna.

Spread the love

Comment here