FOCUS

C’ERA UNA VOLTA: GRAN PREMIO DI GRAN BRETAGNA 1999

Credo che uno dei ricordi più brutti e tristi per noi ferraristi sia l’incidente che vide protagonista Michael Schumacher, nel lontano 11 luglio 1999, sulla pista di Silverstone.

Quell’incidente fece crollare, letteralmente, ogni sogno di gloria per Michael di vincere il titolo mondiale con la Rossa di Maranello.

Ancora mi ricordo quelle immagini, tragiche e drammatiche, ce l’ho impresse nella mente come se l’incidente fosse accaduto oggi. Come potremo mai dimenticare quegli istanti?

La disgrazia avvenne dopo uno start stranamente caotico: Mika Hakkinen, autore della pole position, ebbe uno sprint decisamente migliore rispetto a Schumacher che invece partì molto male, facendosi addirittura superare sia da Coulthard che dal compagno di squadra, Eddie Irvine. Alla curva Stowe, passò all’interno di Irvine molto velocemente ma finì direttamente dentro le protezioni a bordo pista.

Poco prima dell’episodio, la gara era stata fermata in seguito al fatto che due piloti erano rimasti fermi in griglia di partenza: si trattava di Villeneuve e Zanardi, comunicazione che non sopraggiunse subito ai piloti della Ferrari.

Quasi subito si capì che il pilota tedesco aveva riportato danni seri in quanto Michael non riusciva da solo a saltare giù dalla macchina.

L’esito fu severo: frattura di tibia e perone della gamba destra.

Ma come furono quegli istanti per Schumy? Ecco alcune sue parole: “Credevo di morire. Ho sentito il cuore che si fermava. Sudavo, ho sentito che i battiti cardiaci diminuivano, il mio cuore improvvisamente si è fermato e tutto è  diventato nero. Non so esattamente quanto tempo è durato lo stato di incoscienza e da cosa fosse causato, ma è quello che ho sentito“.

Non fu un errore del pilota ma tutto venne causato da una vite che si era allentata. Vite dello spurgo del freno posteriore che sembrerebbe aver causato una improvvisa perdita di pressione.

Una piccola vite ha segnato la fine di un mondiale ,una piccola vite ha portato avanti il disegno che il destino stava facendo per il kaiser. Era scritto che doveva finire così nel 1999. Furono tempi amari ma di preparazione per un 2000 che riservò a tutti i tifosi ferraristi il regalo più bello di sempre.

Spread the love

Comment here