NEWS

LA F1 RIACCENDE I MOTORI CHIUSA IN BOLLE

Nell’edizione odierna de La Repubblica sono tanti i temi affrontati: dall’inizio del mondiale con la gara inaugurale di Spielberg alla vicenda razzismo con Hamilton in prima linea. Senza dimenticare la Ferrari, la convivenza con Vettel e gli aggiornamenti sulla SF1000, rinviati dopo l’Ungheria: “[…] La Mercedes, sebbene tutta di nero vestita anziché d’argento per sostenere la lotta al razzismo, reciterà la medesima parte dal 2014: da protagonista. Con un cavaliere come Lewis Hamilton, 35 anni, che dopo aver combattuto in questi mesi per #BlackLivesMatter e chiamato i suoi colleghi e tutto il Circus a unirsi alla campagna (le squadre correranno con lo slogan #WeRaceAsOne e i piloti forse si inginocchieranno al via del gp) […] La Ferrari inseguirà, rimandando all’Ungheria (19 luglio) innovazioni importanti sulle monoposto dopo una rivisitazione radicale del progetto iniziale che a Barcellona, in inverno, si era rivelato deludente. Per adesso, le rosse si presentano con un messaggio per Alex Zanardi […] La Scuderia affiderà la sua corsa numero 992 a Charles Leclerc […] Sebastian Vettel lascerà a fine stagione il Cavallino (in arrivo Sainz), non ha ancora un sedile e non è detto che lo cerchi. A Spielberg dormirà in un camper. […] La Red Bull sta lì, spettatrice dei conflitti altrui, vuole essere ancora la terza incomoda. Da subito, sul circuito col proprio marchio dove Max Verstappen ha vinto le ultime edizioni. […] Le porte saranno chiuse al pubblico, i team ridotti a 80 persone compresi i piloti, niente ospiti, stampa contingentata. Tutti con le mascherine, certificati medici, tamponi ogni 5 giorni. Dopo 126 giorni dall’ultima volta (test a Barcellona) la F1 riaccende i motori chiusa in bolle e sotto bolle impermeabili le une alle altre per evitare di dover interrompere bruscamente la giostra, come successo alla vigilia dell’esordio di Melbourne, a marzo, per un positivo in McLaren […]”.

Spread the love

Comment here